Mentre Amazon offre ai suoi utenti sempre più opzioni in termini di logistica e tempi di consegna per completare la sua offerta di servizi e-commerce, Google lancia in alcuni paesi Europei u(molto simile a quella di Amazon) con l’obiettivo di aumentare il numero di persone che utilizzano il suo motore di ricerca. Proprio ieri Google infatti ha annunciato che” il Rating dei prodotti risultato della ricerca è già disponibile “ come servizio in anteprima per Inghilterra, Francia e Germania.

Grazie alle recensioni di prodotto, già testate con successo sul mercato U.S.A. , i risultati della ricerca appaiono al consumatore medio un po’ meno statici e più accattivanti, un po’ come quelle che siamo già abituati a vedere su Amazon.

Se fate una ricerca di prodotto sui siti Google di questi paesi, vedrete che ha aggiunto i giudizi, più o meno stellati, degli utenti sui prodotti che risultano dalla sua ricerca base e sul sito di Google Shopping.

In un certo senso, possiamo dire che Google grazie a questo consolida, anche in Europa, un modus operandi del fare ricerca più completo e soprattutto condiviso.  Condiviso è proprio azzeccato nel senso che aggrega informazioni provenienti da fonti diverse ovvero dai venditori, rivenditori, grossisti, siti specializzati e dagli utenti del sito,  sposando appieno le logiche di strategia push & pull tipiche del segmento.

Google dichiara che da quando è stato introdotto a luglio 2014 sul sito americano, il meccanismo delle recensioni funziona: il CTR (click through rate) sui prodotti recensiti è salito del 5% , i consumatori ne sono incuriositi e cliccandoci sopra possono avere maggiori informazioni e leggere i vari giudizi.

Inoltre in questo modo Google riesce a indirizzare meglio, dal lato di chi offre sulla sua piattaforma, le decisioni relative a quali prodotti promuovere.

Come afferma Dave Abbott, Vice Presidente dell’Online Marketing di Home Depot,  “attraverso i giudizi si condivide ciò che buono di quel prodotto, quello che funziona ma anche dove è migliorabile; queste informazioni portano al mercato in generale, e non solo ai consumatori,  valore aggiunto e accrescono il vantaggio competitivo di essere su Google”.

Ma non tutto è a favore di Google: poichè questo meccanismo alimenta l’archivio dei dati a disposizione per ciascun cliente, questo allarma tutti quei consumatori che già guardano con diffidenza al potere di Google. A questo si aggiungono i rumors sul modo in cui Google tenderebbe a pilotare le ricerche e sul suo approccio anticompetitivo che, a fronte di CTR più elevati (maggiori profitti per  Google)  riporta come primi nel risultato della ricerca i prodotti ben recensiti, rendendoli più attraenti per i consumatori...staremo a vedere!

Gli esperti di Salesupply grazie alla loro conoscenza del mercato locale e alla presenza a livello internazionale sono a tua disposizione anche per aiutarti a trovare il partner ideale a cui affidare il rating dei tuoi prodotti, in Italia e non solo.